nura crea, handmade, sardegna, mamuthones, storia, tradizione, abiti tradizionali, sposini

Visualizzazione post con etichetta ricette facili. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta ricette facili. Mostra tutti i post

venerdì 17 maggio 2013

In casa Nura un omaggio profumato di fine stagione dedicato alle arance. Torta Giovannino.

Ieri, come ogni giovedi', e' arrivata a casa la cassetta del Buon Senso dal Paese del Vento e tra le tante sorprese c'era qualcuna delle ultime arance di stagione degli orti di Giovannino a Villacidro. Queste arance coraggiose che hanno accompagnato tutto il nostro inverno meritavano un omaggio profumato, perche' abbiamo imparato che la frutta e' un dono stagionale che merita di essere desiderata tanto quanto essere salutata. 


Cosi', per salutare le arance...abbiamo deciso di fare una torta agli agrumi e abbiamo deciso di ribattezzarla ...Torta Giovannino! 



La torta si discosta leggermente dalla ricetta che ci e' stata regalata,  perche' come tutte le torte celebrative che si rispettino deve avere un pizzico di personalita'. 
Non e' bella?
E' una torta agli agrumi con arance caramellate aromatizzata al rooibos. 


250 gr di farina
* 150 gr di zucchero
(noi abbiamo usato quello di canna)
* 70 gr di burro (quello che vi pare, io l'ho messo veg qualcuno riesce anche con l'olio)
* 250 gr di yogurt (agli agrumi)
* 2 banane mature di media grandezza (al posto delle uova)
* 1 bustina di lievito vanigliato per dolci (se sapete come fare, potete evitarlo) 
* 2 cucchiai di amido di mais o di fecola di patate
The rooibos (facoltativo)



Piu' ovviamente la scorza di 1 arancia di Giovannino e di 1 Limone e un poco di succo d'arancia.

 Noi abbiamo ridotto le dosi di un terzo perche' in casa Nura si fanno torte per 2! 

Schiacciare bene la banana matura e legare bene insieme al burro. Questo vi permette di non dover utilizzare uova e di avere una torta fresca e un po' piu' leggera! Poi lo jogurt agli agrumi e un po' di succo d'arancia ad occhio senza rendere l'impasto troppo liquido. Noi a questo punto abbiamo aggiunto un po' di concentrato di tisana rooibos, ma questo passaggio e' assolutamente facoltativo... il sapore non verra' modificato. 
La buccia grattugiata di un arancia e di un limone. Ho bisogno di specificare che NON DEVONO AVERE PESTICIDI PERCHE' VI SAREBBE UNA GROSSA CONCENTRAZIONE NELLA BUCCIA? 
Aggiungere lo zucchero e mischiare per bene. Poi farina e fecola e per ultimo il lievito. Noi abbiamo usato quello bio e sembra buono e un po' colorato! 




Per le arance caramellate :
La buccia di 1 arancia 
miele buono (non quello liquido)  o zucchero di canna o quello che vi pare! 
acqua ad occhio, il tanto necessario per immergere le bucce. Anche qui abbiamo aggiunto un po' di tisana concentrata che ha aromatizzato un po'.
Portare ad ebollizione in un pentolino e aggiungere la buccia tagliata a striscioline, quadratini, cuori...come vi pare! 
Quando iniziano a diventare trasparenti e il liquido non si e' ancora addensato troppo sono pronti. 
Se vi piace, rotolateli nello zucchero a velo o nello zucchero di canna una volta tolti dal pentolino. 

FATE ATTENZIONE ALLE DITA.

I pezzetti andranno aggiunti alla torta prima di essere infornata o prima che solidifichi. 
(noi ci siamo dimenticati, li abbiamo messi caldi a fine cottura )

La prossima la proviamo arance e cacao!! 

Forno preriscaldato a 180 gradi per circa 30 minuti. Evitate di aprire il forno in continuazione che le arance si offendono!  

Spolverate con zucchero a velo e bevetevi una bella tazza di the! 



Ritorna in casa Nura



lunedì 6 agosto 2012

Cosa succede quando una giovane d'oggi prova a fare il pane come una donna di ieri?




Fare il Pane è una cosa importante, difficile e necessita di una guida. 
La mia si chiama Ines. 

Appena letta la ricetta ho pensato: "ts! ma è facilissimo!" . Mi sbagliavo. Sin dal primo momento gli ostacoli sono stati tanti. Per una giovane d'oggi che prova a fare il Pane come una donna di ieri la strada e' tortuosa. 

Il Primo vero grande problema è stata la scelta delle materie prime. 


pane fatto in casa nura crea giovani di oggi

La scelta della Farina e del Lievito mi ha fatto capire che al supermercato non trovi niente di quello che vorresti. Farina Sarda, lievito Madre... Si lievito madre ...lo cercavo al supermercato!
Vi lascio immaginare poi i prezzi dei prodotti Bio. 

Una volta a casa si è subito presentato il secondo grande problema. La bilancia era ovviamente scarica e non avevo batterie di riserva di quella tipologia. Bene allora facciamo i calcoli .... Si.  Ho subito chiesto l'aiuto di Ines perche' non sapevo trasformare i grammi indicati nella ricetta  in bicchieri o cucchiai o altre misure semplici! Esistono anche dei siti utilissimi in questo.

        Le nuove misure ottenute sono:
           mezza busta di farina 
        un bicchiere d'acqua temperatura ambiente
        4o5 cucchiai d'olio
        un ottavo di panettino di lievito fresco da 23 grammi
    (in polvere non l'ho trovato)
      un cucchiaio a filo di sale
   condimenti a piacere: olive verdi e pinoli 



Ho sciolto nell'acqua il lievito poi l'olio, i condimenti, meta' della farina e poi il sale. 
Una volta aggiunta la restante farina e impastato il risultato per me era gia' un successo.
 Era la prima volta! 

pane fatto in casa nura crea giovani di oggi



Ho messo una copertina all'impasto e l'ho protetto dentro il forno, lontano da correnti, cosi' come mi aveva detto Ines. Subito mi è venuta voglia di modellarlo e dargli forma, ma non sapevo se l'avrei rovinato! Volevo il pane ora e subito! Per avere il mio primo pane ho dovuto aspettare tutta la notte, poteva essere un'eternita'! Sono cresciuta nell'era in cui quando hai voglia di pane vai al supermercato ed è li. 
Si.
Ma non lo puoi sbirciare mentre cresce! 

pane fatto in casa nura crea giovani di oggi



Stamane mi sono svegliata come quando da piccoli ci si svegliava sapendo che la notte prima aveva nevicato un sacco e sono scesa a fare i miei primi paninetti. Li ho fatti veloce veloce senza toccare troppo il pane... perche' cosi' ho sempre pensato si facesse vedendo i panettieri! 


Forno caldo 
180
ventilato 
25 minuti 

E' stata la cosa piu' importante che io abbia mai fatto fin'ora con le mie mani.
Il pane!



pane fatto in casa nura crea giovani di oggi

E poi scopri che ci sono matrici di lievitazione che si perdono nella notte dei tempi.... 

Grazie Ines 
A Buon Rendere!

Buona Sera a...

Nura Crea Feed inserisci la tua email