nura crea, handmade, sardegna, mamuthones, storia, tradizione, abiti tradizionali, sposini

Visualizzazione post con etichetta archeologia. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta archeologia. Mostra tutti i post

domenica 12 gennaio 2014

Una Pecora, un' Isola e tanta voglia di valorizzarla. Progetto Brebì di Sardegna. Nura Crea.


Qualche volta ci accompagnano nelle nostre escursioni, qualche volta non fanno ritorno.
Sono le Brebì di Sardegna e se ancora non ne avete trovata una, state per farlo. 





Tomba dei giganti "is Concias"
a due passi da Cagliari immersa in uno scenario mozzafiato.
Ad accoglierci troviamo una donna in meditazione e intorno solo le vibrazioni della sua voce. 
Non potevamo non lasciare qualcosa. 
Una brebi' nera e' stata lasciata sulla protome vicina all'ingresso della Tomba Domenica 20 Ottobre 2013. 
E' stata trovata il giorno stesso ma mai rivendicata. 





Complesso di Santa Cristina
Paulilatino

 A piedi nudi entrammo nel santuario, una voce risuonava
dal foro in superficie e tutto intorno non c'era piu' niente. Solo acqua, dal centro fino al mare, fin dentro l'anima. 

Brebi' in meditazione. 






Brebi' in gita al Nuraghe Biriu di Genoni. 

Le pietre bianche emergevano imponenti dal verde circostante con uno splendore che raccontava di grandi imprese ormai lontane. In cima una torre per ricordarci quanto possiamo essere grandi e piccoli in uno stesso istante.

in gita al Nuraghe Biriu con la nostra guida








La bramosia di sapere, l'affanno di capire, pensieri troppo veloci per essere afferrati. 
La risposta e' li , ma non si riesce a prenderla, diventa fluida e si unisce alla pietra.
Eppure basta chiudere gli occhi e, a piedi nudi fermarsi ad ascoltare il canto di un grillo passeggero. 

lunedì 11 novembre 2013

Niedda: una brebi' in gita alle domus de Janas Jenna Salixi.



Un po' di tempo fa, durante una delle nostre guide con Federico, ci siamo imbattuti nel complesso di Jenna Salixi, delle domus de janas molto spettacolari situate a Villa Sant'Antonio.

Abbiamo deciso di immortalarle insieme alla brebi' per poter diffondere il piu' possibile le cose belle che abbiamo intorno. 
E pensare che sentiamo ancora dire che "in Sardegna non c'e' niente". 
Forse, puo' darsi, che dentro di voi non ci sia rimasto piu' niente se non riuscite a vedere le meraviglie che questa Terra ci regala. 




Le domus sono 12 in tutto e sono divise in piu' vani. 
da visitare assolutamente.




Niedda all'interno di una domus de janas. 
brebi' di sardegna


Ecco uno degli incontri della giornata: 
lui, e' una lei. diventera' una falena.
si tratta di un
bruco di sfinge del convolvolo! 


Tra le tante cose abbiamo trovato un filare lunghissimo di figu morisca e..ci siamo chiesti: ma perche' le persone acquistano a caro prezzo fichi d'india d'oltre mare quando le campagne sarde sono un tripudio di frutti? 


mah. 

scopri chi sono e cosa diamine vogliono le 

lunedì 4 novembre 2013

La Sella del Diavolo: il simbolo di Cagliari o il simbolo dell'indifferenza?

LA BREBI' RESTA LASSU' IN ATTESA DI ADOZIONE. 

Le Brebi' sono pecore instancabili e tremendamente testarde. 
Non c'e' stato niente da fare, non siamo riuscite a trattenere Bianca e la sua voglia di Protesta. 
Ci eravamo riproposti di focalizzare l'attenzione sulla valorizzazione, ma dove troviamo abbandono ... non possiamo certo girarci dall'altra parte. 
Si, abbandono. Lo vedono ovunque, scalpitano, mordono... ma nulla. L'abbandono e l'indifferenza sono sempre all'agguato e guai ad abbassare la guardia o saremo fregati. 


La location questa volta si trova a due passi da Cagliari e si tratta della Sella del Diavolo. 
Il simbolo della citta', teatro di lotte tra Titani, misterioso luogo di culto nell'antichita'... e' sicuramente un patrimonio da proteggere con le unghie. 
Accompagnati da FEDERICO, la nostra guida preferita, su' fino al punto piu' alto di Cagliari abbiamo goduto di viste mozzafiato, tanto sole, profumi inconfondibili della macchia mediterranea e delle chiacchierate produttive con appassionati e sportivi.
Sono segnati diversi percorsi interessanti e l'area e' per lo piu' ben tenuta.


           




E allora? 

E allora, dico io...
Noi, da amanti dell'archeologia quali siamo, volevamo assolutamente visitare l'area sacra: il tempio di Astarte, che a noi piace chiamare Tanit. 

E QUI ARRIVA LA TRAGEDIA. 
La brebi' e' volata dalla mia tasca tanto scalpitava. 

Questo e' lo stato di abbandono degli scavi archeologici del sito. 
E' davvero necessario un commento?
E i responsabili chi sono? 
NOI 
perche' non facciamo nulla per impedirlo.
E pensare che c'e' chi guadagna fior fior di danari per curare gli "interessi" dei nostri beni archeologici. 




Vogliamo poi parlare della rete metallica che rinchiude l'area militare, che speravamo fosse ormai dismessa? 
Ecco che fine facciamo fare alle nostre ricchezze. 



Se l'area fosse frequentata quanto i localini che si trovano sotto la strada e se tutti insieme coscienziosamente innalzassimo una protesta...  e se ..e se... e se. 
In pratica poi ... beviamoci un'aperitivo e non pensiamoci piu'! 

Vuoi mettere una bella indifferenza accompagnata dalle bollicine di uno Spritz? 




Versi piacevoli nell'abbondono di un fortino. 
Perche' il bello arriva sempre. 

Scopri chi sono e cosa diamine vogliono le 

Buona Sera a...

Nura Crea Feed inserisci la tua email